CRAS BASKET TARANTO, SERVE SOLO LA VITTORIA CON MOSCA

EUROLEGA, DOMANI L’ULTIMA SPIAGGIA DEL CRAS A MOSCA

RICCHINI: “PUNTIAMO ALLA VITTORIA PER SPERARE NEI PLAYOFF”

MA LE ROSSOBLU’ SARANNO “ORFANE” DEL PLAY SOTTANA

 

Michelle Greco, Foto: Monica Iacca

Taranto (24-01-2011) L’ultima spiaggia dell’Eurolega. Domani alle ore 15 italiane, alla Vidnoje Sports Centre di Vidone (tre chilometri da Mosca), il Cras si gioca l’ultima chance di restare aggrappata al treno che conduce ai playoff-final eight. Il ko, contro la corazzata Spartak&Mosca Region farebbe decadere ogni speranza. Al contrario la vittoria, unitamente alle combinazioni che guardano ai risultati di Rivas Ecopolis (+2 su Taranto, che arriverà al PalaMazzola la settimana a prossima: fondamentale il parallelo coi rispettivi quozienti canestri) e BLMA Montpellier (+1 su Taranto, le sue eventuali due sconfitte sarebbero benedette in caso di doppio successo rossoblù), accenderebbe la speranza. Con tale spirito è partito oggi la formazione di Roberto Ricchini alla volta della Russia. Uno spirito segnato dall’assenza dell’ultima ora di Giorgia Sottana, play titolare e con punti nelle mani, bloccata a casa da un virus influenzale.

QUI TARANTO “Tutto è possibile nello sport. A Mosca ci andiamo con la voglia di vincere, che può tenere accesa la fiamma dei playoff. Ma senza avere la pressione addosso, che può essere deleteria”. Roberto Ricchini carica la vigilia dell’inedita sfida crassina nel “tempio” dello Sparta. L’allenatore è ottimista: “Rispetto all’andata, quando perdemmo di 20 punti e loro furono stratosferici in attacco con 13 triple segnate, la mia squadra è cresciuta. Mosca resta però un grandissimo avversario, versatile e con molti punti nelle mani. Dovremo essere capaci di difendere bene, per arginare la loro forza d’urto e parallelamente attuare un attacco intelligente. A riguardo dovremo ovviare in extremis all’assenza pesante di Sottana”.

Dopo il ko di Sesto San Giovanni, che spezzato la striscia vincente italiana lunga 9 turni, il tecnico rossoblù ha ricaricato le batterie del gruppo. “Mi auguro che la sconfitta di domenica – evidenzia l’allenatore della Nazionale azzurra – possa essere ribaltata con la rabbia a Mosca”. Dalla psicologia ai numeri. Le garanzie di Taranto, in questa terza Eurolega della sua storia, passano principalmente dai canestri del trio internazionale Vaughn-Mahoney-Godin: di 14.8, 12.4 e 10.3 punti rispettivamente la media-partita del centro americano, dell’ala connazionale e del centro francese. A seguire le altre compagne, pronte all’ultima spiaggia europea. Compresa Dacic, completamente recuperata. Assente, invece, Sottana. Rimasta a casa, per ragioni scolastiche, la baby Masoni.

I numeri del Cras in Eurolega: 16° attacco (69), 14^ difesa (70.8), 18° attaccante Kia Vaughn (14.8), 8^ rimbalzista Vaughn (8.9).

 

QUI MOSCA Spartak Mosca: un cockatil di basket russo-americano esplosivo. La ricetta, dal 2006 al 2011, ha garantito ricchezza in campo europeo: Europe Cup conquistata nel 2006 e 4 Euroleghe consecutive dal 2007 al 2010, sino alla finale giocata e persa nella scorsa edizione. Oltre all’imprese del vecchio continente lo Spartak vanta due scudetti di Russia vinti nel 2007 e nel 2008. Attualmente nella Superliga la formazione della brava coach americana Pokey Chatman ha recitato un monologo con 12 successi vinti consecutivi.

Il blasone Spartak è caduto sinora tre volte in Eurolega, due con Cracovia (prima e unica sconfitta in casa il 19 ottobre: -8) ed una a Madrid il 26 ottobre (-2). Nove i successi, merito di un gruppo di “stelle” del basket: il cecchino americano Augustus (15.9 a match), l’ala-pivot connazionale Dupree (15.4) ed il play-guardia naturalizzato russo Hammon (11.5). La squadra si “allunga” con alternative validissime, dalla campionessa nascente di Serbia Petrovic (8.8) al talento russo dell’area Osipova (6.7).

I numeri di Mosca in Eurolega: 4° attacco (76.7), 10^ difesa (68.8), 8° Seimone Augustus (15.9), 24^ Candice Dupree (6.2).

 

LE FORMAZIONI Spartak Mosca Region Vidnoje:  Hammon, Augustus, Petrovic, Dupree, Osipova; Baric, Skerovic, Korovushkina, Belyakova, Milovanovic, Tikhonenko, Kuzina. All. Chatman. Cras Taranto: Sottana, Greco, Mahoney, Godin, Vaughn; Gianolla, Siccardi, Ballardini, Pascalau, Giauro, Dacic. All. Ricchini. Arbitri: Mr. Miodrag Licina (Serbia), Mr. Bojan Jovanic (Bosnia-Erzegovina), Mr. Zoltan Palla (Ungheria).

COSI’ NEL GRUPPO C Sesto turno preliminare ritorno girone C: domani 25 gennaio Spartak&K Mosca Region-Cras Taranto (ore 15 in Italia, le 18 in Russia), Gospic CO-Frisco Brno, Good Angles Kosice BLMA Montpellier, Rivas Ecopolis-Wisla Can-Pack Cracovia.

La classifica: Mosca, Cracovia 21; Kosice, Rivas 19; BLMA 18; Cras 17; Gospic 16; Brno 13.

SERVIZIO MEDIA Diretta statistica sul sito della Fiba www.fibaeurope.com. Dopo la partita cronaca, tabellino, interviste e foto-gallery sul sito ufficiale del Cras www.tarantocrasbasket.com.

 

 

L’ADDETTO STAMPA DEL CRAS ALESSANDRO SALVATORE

TEL. 3479045421, MAIL stampacrasbasket@gmail.com

SITO WEB www.tarantocrasbasket.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...