CRAS BASKET TARANTO, SCONFITTA A MOSCA, ADDIO FINAL EIGHT

EUROLEGA, NON C’E’ IL MIRACOLO DEL CRAS TARANTO

E’ SCONFITTA A MOSCA: ADDIO PLAYOFF-FINAL EIGHT

SICCARDI: ORA CONCENTRIAMOCI SU COPPA ITALIA E SCUDETTO

Kia Vaughn, Foto: Monica Iacca

 

SPARTAK MOSCA-CRAS TARANTO 77-53

SPARTAK MOSCA REGION VIDNOJE:  Hammon 5, Augustus 2, Petrovic 9, Dupree 14, Osipova 13; Baric 3, Skerovic 2, Korovushkina, Belyakova 12, Milovanovic 7, Tikhonenko 3, Kuzina 7. All. Chatman.

CRAS TARANTO: Gianolla 13, Greco, Mahoney 9, Godin 2, Vaughn 9; Siccardi 2, Ballardini 3, Pascalau 9, Giauro 2, Dacic 4. All. Ricchini.

ARBITRI: Licina (Serbia), Jovanic (Bosnia-Erzegovina), Palla (Ungheria). 

PARZIALI: 16-18, 40-26, 57-36, 77-53.

NOTE: T2 Spartak 24/46, Cras 17/55; T3 Spartak 6/14, Cras 0/3; TL Spartak 11/15, Cras 19/26.

 

 

 

Mosca (25-01-2011) Il miracolo non c’è. Il Cras, senza il play titolare Giorgia Sottana, esce sconfitto da Mosca e dice addio alla speranza di acciuffare in extremis l’ultimo vagone del treno-playoff. La prossima partita di mercoledì 1 febbraio al PalaMazzola, contro il Rivas Ecopolis, sarà di commiato dalla manifestazione continentale, dopo i risultati storici delle precedenti annate, degli ottavi e dei quarti di finale.

LA PARTITA Alla Vidnoje Sports Centre di Vidnoje (Mosca), il Cras parte concentrato. Il suo basket è efficace da subito: +4 al 3’ ed al 6’. Per lo Spartak è la prima avvisaglia, che coach Chatman converte in cambi: già 8 pedine nei primi minuti in campo. La risposta è il +1 di Kuzina al 7’. Taranto risponde con il +2 sullo sfumare del 10’ di Vaughn.

Ma alla ripresa del gioco, lo Spartak ipnotizza il Cras, piazzando un 11-0 in due minuti con le triple di Milovanovic e Belyakova (due della panchina lunghissima russa), che portano la squadra locale sul +9 del 3’. Ricchini chiama timeout e rimette in campo Gianolla play, dopo averla fatta rifiatare con la coppia di regia Greco-Siccardi. Al rientro in campo si infortuna Milovanovic nello Spartak, ed è soccorsa dai sanitari. L’ala pivot serba si fa fasciare la caviglia destra e rinuncia alla partita. Ma per Taranto è un momento difficile. La palla circola difficilmente, lo Spartak alza la diga in difesa e si rilancia in attacco, volando sul +16 del 19’ grazie al break di 18-3. Ed a fine primo tempo una Taranto “stravolta” finisce negli spogliatoi con il -14 sul groppone.

La solfa è la stessa per il Cras nella ripresa. Greco ha sintomi influenzali ma entra comunque in campo. La guardia non ha la solita grinta. Il Cras ha difficoltà alla costanza dello Spartak, che continua a essere su di giri. Il +23 del 23’ è la conseguenza. Taranto si dimena, ma non riesce ad attuare una trama ficcante. Al 30’ le rossoblù sono sotto di 21 lunghezze. Il gap aumenta nel quarto atto: -27 al 33’ con le puntate sotto canestro di Dupree. Gianolla prova a scuotere il Cras quando l’affare è complicato. Il play firma un paio di sortite interessanti e con Mahoney firma il -21 del 36’. Lo Spartak risponde subito con due bombe che archiviano la partita. Resta comunque un quarto atto vitale di Taranto, come documentato dal 20-17 del parziale.

RICCHINI: “ERAVAMO IN EMERGENZA” Da Mosca il coach Roberto Ricchini “fotografa” l’improvvisa emergenza rossoblù: “Siamo partiti con l’assenza pesante di Giorgia Sottana, che al Cras offre fosforo e punti. Oltre a colmare questo vuoto, oggi ho fatto i conti con i problemi fisici di Greco, che lamenta sintomi influenzali. Lei avrebbe potuto gestire con Gianolla la questione regia, ma in queste condizioni non ha potuto fornire il giusto contributo. Resta comunque la prova generosa della squadra, a partire dal ruolo interpretato da Gianolla. Per infastidire lo Spartak avremmo dovuto essere al top della condizione”.

SICCARDI: “GIORNATA COMPLICATA” Oltre alla forza dell’avversario, che spiega l’ottavo ko del Cras in Eurolega, il capitano Valentina Siccardi evidenzia “l’assenza pesante del nostro play Sottana e l’impiego fuori ruolo di alcune giocatrici in questa emergenza”. La lettura della giocatrice brindisina, però, non è condita da drammi. “Dispiace essere ovviamente fuori dai playoff, ma i punti importanti persi non sono quelli di stasera, bensì quelli lasciati in precedenti match, come le sfide con Rivas e Kosice. Ma noi restiamo serene e vogliose di concentrarci adesso sul terreno italiano, dove daremo la caccia alla Coppa Italia ed allo scudetto”.

COSI’ NEL GRUPPO C Sesto turno preliminare ritorno girone C: Spartak&K Mosca Region-Cras Taranto 77-53, Gospic CO-Frisco Brno, Good Angles Kosice BLMA Montpellier, Rivas Ecopolis-Wisla Can-Pack Cracovia.

La classifica temporanea: Mosca 23; Cracovia 21; Kosice, Rivas 19; BLMA, Cras 18; Gospic 16; Brno 13.

Il prossimo turno: 1 febbraio Brno-Kosice, Cracovia-Gospic, BLMA-Spartak, Cras-Rivas Ecopolis (ore 20.30).

 

L’ADDETTO STAMPA DEL CRAS ALESSANDRO SALVATORE

TEL. 3479045421, MAIL stampacrasbasket@gmail.com

SITO WEB www.tarantocrasbasket.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...