BRACCO GEAS S.S. GIOVANNI, STOP A PRIOLO

BraccoGeas, battuta d’arresto a Priolo
Montini: “Poca cattiveria e difesa”

PRIOLO, 29 gennaio 2012
Grande occasione persa per il BraccoGeas che esce sconfitto dalla
trasferta in casa dell’Erg Priolo, squadra battuta di addirittura 31 punti
nella sfida di andata e sconfitta due volte nei quarti di finale di Coppa
Italia: tutt’altra storia invece nella sfida di stasera, in cui le siciliane, con
40’ di difesa a zona, hanno imbrigliato l’attacco geassino vincendo la
partita 77-67 anche grazie ai nuovi innesti Ciappina e Gaither. Si
interrompe quindi la serie di 3 vittorie consecutive inanellate dal
BraccoGeas nelle ultime settimane in una partita che, almeno alla vigilia,
sembrava alla portata delle geassine. A punire la squadra di coach Montini
le troppe palle perse (21) e la scarsa vena realizzativa di alcune rossonere,
con la squadra che non ha saputo trarre vantaggio dal dominio a rimbalzo
(41-29) e che non è riuscita, nei momenti propizi, a conquistare un
vantaggio sufficiente a mettere in difficoltà la squadra di casa.

“Non è difficile trovare le cause di questa sconfitta – commenta a fine
gara coach Montini – Siamo scesi in campo con poca cattiveria e con un
atteggiamento difensivo troppo accondiscendente contro una schiera di
penetratrici come Cirov e Buccianti. Abbiamo anche concesso troppo in
post basso, non riuscendo nella metà campo offensiva a ‘rendere il favore’
all’Erg Priolo. Inoltre, nonostante i tanti rimbalzi, altre statistiche ci hanno
penalizzato: troppe palle perse (21), troppo pochi recuperi (14) e una
percentuale da 3 davvero bassa (19% su 31 tiri). In troppe fasi di gioco ci
siamo accontentati del tiro da lontano, abusandone troppe volte e
sbagliando inoltre diversi tiri aperti. Questa è certamente un’occasione
persa, perché possiamo dire di aver vanificato, o almeno di non aver
sfruttato a pieno, la scia di vittorie ottenuta nell’ultimo periodo. Non siamo
soddisfatti della nostra prestazione, anche perché siamo riusciti troppo
poche volte a mettere in difficoltà l’Erg, che comunque ha meritato e
legittimato il suo successo. Dobbiamo assolutamente ricambiare marcia,
ritornare a giocare al massimo, soprattutto a livello difensivo, per
affrontare le prossime gare con la certezza di poter dire la nostra contro
tutti gli avversari”.

Nei primi minuti di gioco il pallino del gioco è nelle mani dell’Erg: le
siciliane, schierate da subito con la difesa a zona e guidate da Cirov,
prendono subito un consistente vantaggio (8-4) propiziato proprio dalla
giocatrice serba, che punisce la difesa geassina con penetrazioni e
scorribande in post basso. Il Geas, costretto a chiamare timeout e a
registrare il secondo fallo personale di Zanoni, prova a rifarsi sotto con
Zanon, bravissima a trasformare una conclusione difficile dal cuore
dell’area. Priolo è però concentratissima in difesa e precisa in attacco:
Ciappina e Buccianti concretizzano le palle perse del Geas con un parziale
di 5-0 che fa scappare l’Erg sul +7 (13-6). Il BraccoGeas trova però in
Haynie un terminale offensivo efficace: l’ex della partita piazza subito la
tripla del nuovo -4, seguita subito dal canestro di Summerton, bravissima
a catturare il rimbalzo offensivo e a trasformarlo in 2 punti. Dall’altra parte
però la difesa continua a lasciare tanto spazio alle penetratrici avversarie,
Cirov in testa (già 8 punti). La seconda tripla in pochi secondi di Haynie
(15-14) non risolve però i problemi offensivi del Bracco: le rossonere
faticano a far girare palla contro la zona dell’Erg e subiscono due canestri
ad opera di Cirov, ancora lasciata sola in post basso, e Seino, centri che
vanificano il parziale di 8-2 realizzato dal Geas. Il canestro che chiude il
primo periodo è di Zanon, al solito bravissima nella lotta in post basso
(19-16).

A inizio secondo periodo il punteggio resta in equilibrio: Seino fa ½ dalla
lunetta, Crippa manda a segno un bel piazzato dalla media ma è ancora
Seino a punire la difesa del Geas per il 22-18 in favore di Priolo. Le tante
palle perse del Geas (già 8) vanificano la superiorità a rimbalzo del Bracco
(12 a 5), che continuerà per tutto il primo tempo. Il punto di riferimento
offensivo delle rossonere è Crippa, che dopo il piazzato già raccontato
manda a segno anche la tripla del 22-21. Sulla scia della bomba di Crippa
arriva anche il primo vantaggio BraccoGeas, firmato dalla moldava
Michailova, bravissima a farsi trovare tra le linee della zona dell’Erg (22-
23). Priolo sbaglia qualche tiro di troppo ma continua a trovare buoni
spazi nell’area avversaria, con Seino bravissima a concretizzare l’assist di
Ciappina per il nuovo sorpasso priolese. Coach Montini sceglie di alzare il
suo quintetto, schierando Summerton da ala piccola con Michailova e
Halvarsson come lunghe. I risultati si vedono subito: le geassine
conquistano diversi secondi possessi grazie alla reattività di Halvarsson e
Michailova sotto il canestro avversario, gran parte dei quali vengono
concretizzati proprio dalle due lunghe rossonere (28-29). Priolo però non
molla: Bonfiglio, Bestagno e Favento trovano punti facili approfittando
delle carenze della difesa geassine e rilanciano la squadra di casa, capace
di chiudere il primo tempo in vantaggio 35-31.
Due dati contrastanti raccontano fino ad ora la partita del BraccoGeas:
sono infatti zero i liberi tentati dalla squadra di coach Montini, a fronte di
un dominio a rimbalzo (22-16) non concretizzato dall’attacco geassino.

Al rientro in campo il BraccoGeas si blocca offensivamente, lasciando a
Priolo tanto spazio per le penetrazioni delle guardie di coach Coppa: prima
Favento, poi Seino, che manda a segno una tripla e un gioco da tre punti,
puniscono la difesa del Geas che raramente raddoppia o chiude gli spazi

che le penetratrici priolesi vanno a ricercare (43-31). L’1/2 di Bonfiglio
dalla lunetta fissa il nuovo massimo vantaggio dell’Erg nella partita (13
punti), fattore che forse scuote l’attacco del Geas che, dopo ben 5’
dall’inizio del periodo, trova il canestro con Zanon, brava a sfruttare la
posizione conquistata in post basso. Continua però il momento positivo
della squadra di casa: il canestro di Halvarsson (46-35) non scoraggia
infatti le giocatrici bianco verdi che costruiscono ottime azioni offensive
come quella che porta a canestro Bonfiglio, ben assistita da Bestagno. Il
parziale di Priolo arriva con Cirov, Buccianti e Ciappina sedute in panchina:
coach Coppa è però costretto a rimettere in campo le sue titolari da
Martina Crippa, che manda a segno una tripla e un piazzato dal gomito
che spaventano il pubblico di casa (48-40). La difesa del Geas è però poco
reattiva, così Buccianti ne approfitta per conquistare un gioco da tre punti
che rilancia l’Erg. Per il Geas solo Crippa è in grado di aggredire il
canestro: la guardia geassina segna altri due canestri (19 punti alla fine)
ma lo 0/2 dalla lunetta di Zanon non consente al Geas di accorciare
ulteriormente dal -6 con cui le rossonere vanno all’ultimo riposo breve
della partita.

Nel quarto periodo le geassine ci provano: ancora Crippa manda a segno
un piazzato dal mezzo angolo, ma la stessa guardia rossonera si fa
fischiare un tecnico che manda in lunetta Cirov (2/2, primi due punti dopo
i 10 realizzati nel solo primo periodo di gioco). Subito dopo arriva il primo
centro dal campo di Iaia Zanoni, seguito da un parziale di 6-0 firmato da
Manuela Zanon, la migliore in termini di intensità. L’ala geassina, autrice di
16 punti in totale, firma il pareggio a quota 54 e il nuovo vantaggio Geas
(54-56) ma la tripla di Favento, che sale a quota 9 punti, ricaccia indietro
il Geas. La risposta delle rossonere non si fa attendere ed arriva con la
bomba di Michailova, al primo centro dalla lunga distanza dopo 4 errori
(57-59). Priolo però non molla e anzi dà il via al parziale che decide la
partita: prima Seino, poi Buccianti e Cirov puniscono le palle perse
dell’attacco geassino, ricacciando il Geas a -7 (66-59). Halvarsson prova a
farsi valere sotto le plance (per la svedese doppia-doppia con 10 punti e
11 rimbalzi), ma l’inerzia è tutta dalla parte della squadra di casa che nel
finale concretizza al meglio i viaggi in lunetta con Seino, Buccianti e Cirov
(tutte e tre in doppia cifra con 17, 16 e 18 punti). Non servono a nulla
l’ultimo canestro dal campo del Geas messo a segno da Zanon e i tre punti
realizzati dalla lunetta da Ilaria Zanoni: vince Priolo 77-67 e si interrompe
la striscia positiva del BraccoGeas.

Dopo questo ko, in parte inatteso visti i precedenti stagionali tra le due
squadre e considerato il momento che le rossonere stavano
attraversando, le rossonere di coach Montini torneranno in campo davanti
al proprio pubblico domenica prossima (ore 18) contro la GMA Del Bò
Pozzuoli, squadra dal rendimento certamente inferiore rispetto al
potenziale del proprio roster. Partita quindi da bollino rosso per il Geas,
che deve assolutamente dimenticare la trasferta di Priolo e tornare a
camminare sulla retta via tracciata dalle vittorie contro Alcamo, Umbertide
e Taranto.

Jacopo Cattaneo
Ufficio Stampa BraccoGeas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...