CUS CAGLIARI, AD UN PASSO DAL SUCCESSO

Ancora una volta ad un passo dal successo

Era quasi riuscito nel colpaccio il Cus, perché di questo si sarebbe trattato dopo una settimana di convalescenza di alcune giocatrici fondamentali, contro una squadra che già annoverava un trio di straniere di tutto rispetto, al quale si era aggiunta Kireta. Non a caso
quando la croata si è infortunata, ecco venire fuori Slavcheva e l’esperienza di Adriana, fino a quel momento ben limitata dalla difesa avversaria. Se a questo si aggiunge qualche decisione arbitrale non condivisa dalle cagliaritane, mentre dall’altra le parmensi pescavano dalla panchina un 3/3 dall’arco di Fall e una decisiva Battisodo, ecco spiegata la sconfitta contro una formazione che ha centrato ieri la quinta vittoria consecutiva e ipotecato la partecipazione ai playoff.

Primo quarto equilibrato, con una scatenata Lukacovicova a ribattere colpo su colpo alle parmensi, tanto che la lunga trovava il pari con la tripla, a cui seguiva quella di Plumley per il vantaggio cagliaritano sul 9-12, e l’allungo ancora con la slovacca fino al +7 (11-18). Dall’altra era Kireta a tenere a galla le compagne, fino al pareggio di Adriana e il sorpasso in chiusura di Antibe, 23-22.

Nel secondo periodo il Cus trovava subito il controsorpasso con Wabara e con le tre triple di Fabianova, tornando due volte sul +7 (25-32 e 31-38), allungando fino al +10 con Arioli, Brunetti e Lukacovicova. Per la squadra di Procaccini ecco però le due bombe di Fall, che chiudeva sul 37-44.

Al rientro dagli spogliatoi il Cus trovava il massimo vantaggio sul +11 (37-48) con Darrett, scarto che Lukacovicova manteneva invariato fino al 41-52. Nel frattempo Parma perdeva Kireta per infortunio, ma trovava nei tiri dall’arco di Fall e Franchini la spinta per rifarsi sotto fino al -2 (54-56). Il Cus non si scomponeva e riallungava fino al +10 (54-64), costringendo al time out il coach delle emiliane, che con Battisodo e il tiro dall’arco di Slavcheva dimezzavano poi il divario.

Ultimo quarto inaugurato ancora dalla bulgara ai liberi, con i cinque punti di Plumley a risponderle e il canestro di Arioli del 61-71. Era quindi ancora la play americana a trovare il +10 (67-77), ma da quel momento Parma iniziava la sua rimonta. Doppio gioco da tre punti di Adriana, Battisodo a rimorchio, liberi della francese e pareggio sul 79-79 a -2’47’’della play pesarese, che piazzava anche una stoppata sul ribaltamento di fronte. Parma trovava quindi il sorpasso con Adriana, il Cus zoppicava ai liberi con Brunetti e Darrett e ritrovava l’81 pari, mentre dall’altra Battisodo e Slavcheva si dimostravano impeccabili dalla lunetta e allungavano fino al +4, che sanciva praticamente il successo delle padrone di casa. Era quindi il libero di Franchini a chiudere il match sull’86-81.

Lavezzini Parma: Battisodo 8, Franchini 9, Corbani 0, Gibertini 0, Fall 9, Antibe 10, Slavcheva 15, Narviciute 2, Moises 15, Kireta 18 (T2: 21/48, T3: 8/24, TL: 20/25, – PP: 19, PR: 23).
Cus Cagliari: Bergante ne, Lukacovicova 21, Giorgi 0, Fabianova 9, Plumley 10, Darrett 17, Oppo ne, Arioli 4, Brunetti 9, Wabara 11 (T2: 21/35, T3: 8/17, TL: 15/22, – PP: 22, PR: 19).
Parziali: 23-22; 37-44; 59-64.

Cagliari, 6 febbraio 2012
Andrea Lancellotti
Ufficio Stampa C.U.S. Cagliari Basket
http://www.cuscagliaribasket.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...