GEAS S.S. GIOVANNI, GRANDE PROVA DI SQUADRA E PARMA SCONFITTA

Grande vittoria BraccoGeas su Parma
Un collettivo perfetto blocca Adriana
La corsa ai playoff può continuare

CINISELLO BALSAMO, 8 marzo 2012
Vittoria fondamentale per il BraccoGeas che sul parquet di casa batte il
Lavezzini Parma 80-64 confermando il suo buon momento. La
contemporanea vittoria di Pozzuoli (a Faenza) oscura solo in parte una
delle migliori prestazione dell’anno delle rossonere, forse la più
convincente sul piano tecnico: bel gioco e grande personalitá hanno infatti
portato a una vittoria netta e quasi mai in discussione. Un successo di
capitale importanza, senza il quale i playoff si sarebbero allontanati in
modo quasi definitivo. Il lavoro non è finito, perché le posizioni dal sesto
al nono posto saranno assegnate solo nella volatona delle ultime due
giornate, ma proprio dalla sfida a Parma passava tutto. E oltre
all’indispensabile vittoria, le rossonere sono riuscite a riportare a proprio
vantaggio la differenza canestri con le emiliane, un particolare che
potrebbe essere utile in una delle tante soluzioni possibili in base ai
risultati degli ultimi 80 minuti di stagione regolare. Merito particolare alle
ragazze del BraccoGeas quello di aver saputo cavar fuori prestazioni
individuali e di squadra di grande contenuto proprio nel momento topico
della stagione. Accanto a una Haynie bravissima (18 punti e 20 di
valutazione) e a una solida Summerton, è stato il cuore italiano del
BraccoGeas a fare la differenza: Zanoni (20 punti in 35’ con 6 recuperi e
23 di valutazione), Crippa e Arturi hanno vinto i rispettivi duelli con le
avversarie e prodotto qualità e agonismo.

“Stasera è difficile trovare un difetto alla nostra prestazione – commenta
un Montini decisamente soddisfatto – l’unica pecca è stata non avere il
giusto killer instinct alla fine del primo e del secondo quarto, quando a
causa di qualche errore abbiamo subito tanti punti in pochi secondi,
lasciando spazio di rimonta al Lavezzini. La nostra prestazione é stata
comunque ottima: tutto è partito da una buonissima difesa, efficace
soprattutto nell’impedire ad Adriana di scaricare per le compagne dopo la
penetrazione. Dalla difesa poi è venuto un attacco fluido, sia contro la
difesa individuale che a zona. In fase offensiva poi abbiamo sempre fatto
le scelte giuste, preso buoni tiri e fatto circolare al meglio la palla. Anche
rispetto alla vittoria contro Cagliari ci sono stati grandi passi avanti: tra

tutte le cose positive è da sottolineare anche il fatto di aver gestito bene
gli ultimi minuti, nonostante i problemi di falli delle nostre lunghe. Ora non
dovremo accontentarci di questo successo, continuando sulla strada che
abbiamo intrapreso già a Faenza: tutto si deciderà nelle ultime 2 partite, il
nostro destino è nelle nostre mani, non possiamo e non dobbiamo
sbagliare”.

Come da pronostico i primi minuti di partita sono equilibrati: le due
squadre si affrontano a viso aperto e a ritmo alto, con Haynie e Crippa
sugli scudi per il BraccoGeas (6-4). Per Parma è Adriana a condurre le
danze, come dimostra l’ottimo canestro dell’8-8 realizzato dopo una bella
finta che fa saltare Haynie. Le geassine provano la fuga col 2/2 dalla
lunetta di Halvarsson e con l’arresto e tiro di Haynie, ma Franchini stoppa
il tentativo del Geas dalla media distanza (12-10). Le ragazze di coach
Montini giocano peró con molta tranquillità, azzeccando tutte le scelte e
prendendo ottimi tiri. Il risultato è un parziale di 7-0 propiziato dalla tripla
di Summerton e dai canestri di Zanoni e Haynie (giá 8 punti per lei). A
rovinare un primo quarto quasi perfetto del Geas arrivano peró un paio di
palle perse che consentono a Parma di mandare a segno, con Franchini e
Slavcheva, le due triple che dimezzano il vantaggio del Geas e mandano le
squadre al primo riposo breve sul 21-18.

Il secondo quarto si apre nel migliore dei modi per il BraccoGeas,
rivitalizzato dall’ingresso della capitana Giulia Arturi, bravissima prima a
mandare a segno un elegante palleggio, arresto e tiro, poi a farsi trovare
pronta sullo scarico per la tripla del 26-18. E’ però la difesa a fare la
differenza: con continui raddoppi sulle lunghe e sulle portatrici di palla
avversarie, le geassine tarpano le ali all’attacco del Lavezzini, che non
riesce ad andare a canestro. Il vantaggio del Bracco tocca così quota 11
punti grazie al canestro di Zanon, ben assistita ancora da Arturi (29-18).
Sul più bello però, complice il 3° fallo che richiama in panchina
Halvarsson, Parma reagisce e con un ¾ complessivo dalla lunetta di
Antibe e una tripla da campionessa di Adriana (spettacolo nello spettacolo
il suo duello con Haynie e Arturi) si riporta sul -5. Le geassine non
demordono e tornano a macinare gioco e a trovare il canestro: prima
Summerton dal gomito, poi Crippa in penetrazione provano a rimpinguare
il vantaggio Geas, ma come a fine primo quarto gli ultimi canestri sono a
firma Lavezzini, col punteggio finale del primo tempo che recita 33-28.

Al rientro in campo Parma non riesce a dare continuità al suo forcing
offensivo, e il Geas ne approfitta: Summerton sfrutta un pregevole assist
di Haynie, poi si mette in proprio lavorando bene dalla media distanza,
così la tripla di Slavcheva, subito seguita da un 4/4 dalla lunetta di Crippa
e Zanoni, non fa troppo male al BraccoGeas (41-33). Il Geas attacca bene
la zona schierata da coach Procaccini, riesce a far circolare bene il pallone,
come nell’occasione del canestro da lontano di Haynie, bravissima a farsi
trovare pronta all’appuntamento con l’assist di Crippa (44-33). Proprio la
play americana è la protagonista del nuovo allungo geassino: dopo la
tripla Haynie mette a segno una giocata pregevole, recuperando un
pallone (l’ennesimo) in difesa per poi trasformarlo in un canestro segnato

in attacco. La pariruolo Adriana risponde per le rime con una penetrazione
devastante, ma il momento è favorevole al Geas, che lotta anche a
rimbalzo offensivo e con Crippa si porta sul +13 (48-35).
Corbani e Antibe provano a fare la voce grossa, ma le rossonere giocano
in modo convinto, lucido e aggrssivo in difesa, lasciando poche chance alle
avversarie: la tripla di Crippa, su assist di Arturi, risponde al gioco da tre
punti di Adriana, cui fanno seguito i canestri di Zanoni e Slavcheva per il
53-44. Con pochi secondi dalla sirena arriva la giocata “della partita”:
rimessa a metà campo per il Geas, palla nelle mani di Iaia Zanoni che
dopo un paio di palleggi lascia partire una tripla da lontanissimo che
magicamente si infila nel canestro senza nemmeno toccare il ferro: bomba
e +12 (56-44) proprio a fil di sirena.

L’ultimo periodo si apre proprio come era finito il terzo: tripla di Zanoni e
+15 Geas. Il successivo piazzato di Arturi, che fa poi anche 2/2 dalla
lunetta (9 punti), regalano al Geas un vantaggio ancor più consistente,
vantaggio che tocca le 20 unità sul 67-47 grazie alle invenzioni di Zanoni e
alla presenza di Halvarsson, brava prima a portare un blocco
monumentale per favorire la compagna, poi a mettersi in proprio con una
elegante penetrazione. A questo punto, forse pago del vantaggio, il Geas
cala leggermente e Parma prova ad approfittarne: Antibe e Adriana
rinforzano il loro bottino punti, sfruttando tiri liberi e penetrazioni contro
una difesa che, per i problemi di falli di Zanon, Summerton, Michailova e
Halvarsson (l’intero pacchetto lunghe) è costretta a tratti a non forzare i
contatti. Il gran canestro di Zanoni (69-52) ridà ossigeno alle geassine, ma
il Lavezzini ci crede e rientra fino al -11 sul 69-58. Qui però sale in
cattedra Haynie, che gestisce il finale in maniera magistrale: nel momento
del bisogno la play americana conquista i liberi che ristabiliscono la
distanza di sicurezza, prima di servire preziosi assist a Crippa e Zanoni.
L’ultimo canestro della gara è di Antibe (16 punti alla fine), ma il
punteggio finale arride nettamente al BraccoGeas.

Vittoria quindi che vale oro per le geassine, lanciate verso un finale di
regular season intenso e ancora tutto da decidere: dal 6° al 9° posto
Parma, Faenza, Geas e Pozzuoli sono ancora in corsa, con sole due partite
alla fine del girone di ritorno. Il primo e più importante obiettivo per la
squadra di coach Montini è mettere al sicuro la partecipazione ai playoff,
mantenendo i piedi per terra e cercando di non sbagliare più nulla. La
prova di stasera fa ben sperare, ma è necessario mantenere alta
l’attenzione e non smarrire più la retta via. Domenica si va a Lucca, e sarà
durissima.

Jacopo Cattaneo
Ufficio Stampa BraccoGeas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...