GEAS S.S. GIOVANNI, DOMANI A TARANTO PER LA PARTITA PIU’ DIFFICILE

Giovedì scattano i playoff
BraccoGeas a Taranto
Per la sfida più difficile

SESTO SAN GIOVANNI, 3 aprile 2012
Dopo la settimana di pausa tra la fine della stagione regolare e l’inizio
della post season, il BraccoGeas si tuffa nei playoff: giovedì (ore 20.30) le
rossonere saranno infatti impegnate a Taranto nella sfida del primo turno
contro il Cras, primo nella stagione regolare. Comincia quindi l’avventura
delle geassine nei playoff, dopo il weekend di riposo in concomitanza delle
Final Eight di Eurolega nelle quali era impegnato il Famila Schio (piazzatosi
per la cronaca al 7° posto nella maggiore competizione europea). La sfida
contro le vicecampioni d’Italia, allenate da coach Ricchini, sarà il remake
delle semifinali dello scorso anno, punto più alto raggiunto dal BraccoGeas
dal ritorno in A1 di quattro stagioni fa: oggi come allora le tarantine
hanno, di diritto, i favori del pronostico, ma la speranza di coach Montini e
delle giocatrici rossonere è di ribaltare un risultato che sembra già scritto
e di fare l’ennesimo “scherzo” a una grande del nostro campionato. È
infatti proprio il BraccoGeas l’ultima squadra ad aver costretto alla
sconfitta le joniche nel nostro campionato: dopo il 74-70 del Pala Allende
infatti il Cras ha infilato una serie di 9 vittorie.

Per il quarto anno consecutivo le rossonere parteciperanno così ai playoff,
nonostante una stagione difficile e sofferta, ma impreziosita anche dalla
partecipazione alla Final Four di Coppa Italia, nelle quali è stato proprio il
Cras ad interrompere la marcia del Geas grazie a una nitida vittoria per
69-52. Geas e Taranto quindi si ritroveranno nuovamente faccia a faccia
nei quarti di finale del campionato di A1 con un bilancio stagionale che
arride al Cras (2-1 nei confronti diretti) ma che lascia al Bracco qualche
possibilità di successo: se infatti Taranto parte da favorita, come
confermano il ruolino di marcia di Mahoney e compagne e la vittoria della
Val Venosta Cup (Coppa Italia) dopo una bella finale contro il Famila
Schio, è anche vero che il Geas è stato in grado, nelle ultime stagioni, di
far sudare le ragazze di coach Ricchini più di una volta. Di sicuro per
battere il Cras, soprattutto al Pala Mazzola, ci vorrà la partita perfetta,
anche perché il rendimento delle rossoblu nel proprio palazzetto in questa
stagione è immacolato. La seconda gara dei quarti di finale, che si
giocherà al Pala Allende mercoledì 11 aprile, sarà certamente decisiva (la

serie dei quarti di finale si gioca al meglio delle 3 gare) per proseguire il
sogno playoff, ma prima c’è da pensare alla gara di Taranto.

A caricare l’ambiente, se ce ne fosse bisogno alla vigilia di una sfida così
importante, ci pensa coach Montini: “A questo punto non bisogna più
pensare a come si è arrivati ai playoff: comincia un’altra stagione, in cui i
valori in campo possono essere sovvertiti da situazioni che, a bocce ferme,
potrebbero anche non essere considerate. Ho sempre detto che nei
playoff è difficile fare pronostici, perché tanti fattori possono far cambiare
le cose in un attimo. Noi ci ritroviamo molto in questa ottica: il Cras è
certamente favorito, vuoi perché ha giocatrici di altissimo livello, vuoi per
un budget tre o quattro volte superiore al nostro, vuoi per l’ottima
stagione disputata dalle ragazze di coach Ricchini. Da parte nostra però
non vogliamo partire sconfitti a priori: abbiamo dimostrato più volte di
poter mettere in difficoltà tutti i nostri avversari, a patto di giocare al
massimo delle nostre potenzialità. Soprattutto quest’anno, in cui abbiamo
avuto qualche difficoltà e in generale un rendimento poco costante,
abbiamo la necessità di giocare una partita speciale per battere una
squadra come Taranto, ma siamo ben consapevoli di poterlo fare. In
questi giorni di allenamento ho puntato molto su questo aspetto: voglio
una squadra capace di dare tutto, sia in partita che in allenamento, e tutte
le mie giocatrici devono capirlo, perché questo è lo spirito del Geas ed è
quello che la società, lo sponsor e i tifosi meritano. Parlando della partita,
sappiamo che il Cras ha tante armi da mettere in campo: hanno un roster
importante, completo e altamente competitivo e superiore, sulla carta, al
nostro. D’altro canto dobbiamo sottolineare come il Geas sia stata l’ultima
squadra capace di battere Taranto e come, dall’altra parte, ci venga
riconosciuto il fatto di essere sempre in grado, con la nostra difesa, di
fermare il ritmo dell’attacco di una delle squadre più efficaci del
campionato. Giovedì, e in generale in questa serie, dovremo puntare sui
nostri punti di forza e cercare di fare il possibile per ben figurare. Siamo ai
playoff e non dobbiamo assolutamente pensare di essere arrivati agli
ultimi allenamenti e partite della stagione: fino alla sirena finale dell’ultima
gara possibile dobbiamo pensare di essere pienamente in corsa per i
massimi obiettivo, solo così potremo pensare di fare strada e di onorare al
massimo questo importante e prestigioso impegno”.

Il Cras Taranto di coach Ricchini fa della completezza del proprio roster e
del gioco di squadra i suoi principali punti di forza: se infatti l’allenatore
della Nazionale ha a disposizione diverse giocatrici di grande talento, è la
capacità di condurre il gioco e di imporre il proprio ritmo alla gara la
miglior caratteristica del Cras. Guardando infatti le statistiche di squadra si
evince che Taranto ha avuto, in regular season, il miglior attacco del
campionato con 68.9 punti realizzati a partita (Geas 4° con 66.6). Il Cras è
risultato essere la miglior squadra dell’A1 anche per percentuale da 2
(unica sopra il 50%) e i due 2° posti nelle classifiche di rimbalzi (37.7
contro i 39.4 di Schio) e assist (10 contro gli 11.5 del Famila) la dicono
lunga sulla forza e sulla completezza del roster a disposizione di coach
Ricchini.

Analizzando invece nel dettaglio le prestazioni delle singole giocatrici
joniche balzano subito all’occhio le statistiche di Kia Vaughn, 25enne pivot
alla prima esperienza in Italia. La statunitense è infatti la miglior
marcatrice (13.2 punti di media) e rimbalzista della squadra (8.6), dati che
le consentono anche di entrare nelle rispettive Top Ten di categoria
dell’intero campionato. Se Vaughn può essere a tutti gli effetti considerata
il principale terminale offensivo del Cras, gran parte delle fortune della
squadra di coach Ricchini passano per le mani del trio composto da
Simona Ballardini, Giorgia Sottana e Megan Mahoney. La prima, passata a
Taranto dopo le esperienze di Venezia e Umbertide, è la seconda miglior
marcatrice tra le rossoblu con 11.1 punti di media a partita, realizzati in
gran parte grazie al talento a disposizione della nativa di Faenza, che
entra di diritto nel novero delle giocatrici più estrose e decisive del nostro
campionato.
Vera e propria colonna del Cras è invece Megan Mahoney, protagonista
assoluta degli ultimi successi della squadra tarantina, nella quale
l’americana milita da quattro stagioni. Mahoney è, con Vaughn e
Ballardini, una delle giocatrici capaci di andare in doppia cifra di media nei
punti segnati (10.7) ma è soprattutto la capacità di governare il gioco e di
trascinare la squadra la capacità maggiore della nativa del South Dakota.
E’ invece al primo anno in maglia Cras la playmaker veneta Giorgia
Sottana, unanimemente riconosciuta come il maggior talento giovane della
pallacanestro italiana. A 23 anni Sottana ha già un’ottima esperienza in
A1, maturata soprattutto grazie alle stagioni disputate in maglia Reyer
Venezia, e in questo torneo si sta confermando capace di reggere il peso
della cabina di regia di una squadra in corsa per i maggiori obiettivi, in
Italia e in Europa: le medie della trevigiana parlano di 8.3 punti (col 41%
abbondante da 3) e 2.1 assist a partita, cifre di assoluto rispetto per una
giocatrice comunque giovane e sicuramente ancora in grado di migliorare,
anche in chiave Nazionale italiana.

Il Cras, come tutti sanno, non è però dipendente dal quartetto di giocatrici
appena analizzato: è infatti riconosciuta l’importanza di giocatrici magari
meno appariscenti ma tremendamente efficaci come Elodie Godin,
Michelle Greco, Valentina Siccardi e Angela Gianolla. Godin, atleta dal
buon fisico e dalle movenze eleganti, è infatti la giocatrice capace più di
altre di risolvere i momenti difficili (pochi in stagione) in cui il Cras Taranto
si è trovato. 7.6 punti e 6.8 rimbalzi sono cifre più che buone per Godin,
ma raccontano fin poco sull’importanza e sul carisma che la francese
mette a disposizione della sua squadra e del suo allenatore. Siccardi e
Gianolla, giocatrici nel giro della Nazionale, rappresentano ottimi cambi
per le giocatrici che solitamente compongono il quintetto del Cras e non
fanno mai mancare il proprio contributo in termini di freschezza atletica e
di realizzazione. Michelle Greco è infine la giocatrice che, più di altre, è in
grado di alzare il ritmo in casa Cras, grazie all’ottima verve, grinta e
rapidità di movimenti che fanno parte del repertorio dell’italo-americana.
Nella gara di ritorno di regular season tra Cras e Geas, vinta dalla ragazze
di coach Montini 74-70, Greco era stata infatti capace di realizzare ben 22
punti in 35 minuti, impressionando tutti per reattività e grinta. Completano
infine il profondissimo roster del Cras Taranto Zenta Melnika, Dubravka

Dacic, Sara Giauro e Florina Pascalau, quest’ultima ferma ai box per
infortunio fino alla fine della stagione.

Le altre sfide dei quarti di finale playoff metteranno di fronte, visti gli
accoppiamenti generati al termine della regular season, Famila Schio e
Lavezzini Parma, Pool Comense e Roberta Faenza, Le Mura Lucca e
Liomatic Umbertide. Tutte le partite verranno giocate in contemporanea e
sarà possibile seguire la diretta audio in streaming dal sito
http://www.legabasketfemminile.it cliccando sul pulsante “Diretta dai campi” in
homepage.
Sarà inoltre possibile seguire lo streaming video della partita, con
commento tecnico, dal sito del Cras Taranto
http://www.tarantocrasbasket.com.

Jacopo Cattaneo
Ufficio Stampa BraccoGeas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...