OPENING DAY: CHE CAMPIONATO SARA’’?

Rullo di tamburi e che cominci lo spettacolo, sabato e domenica a Pescara inizia l’82° campionato di massima serie femminile. Il torneo 2012/2013 presenta subito una grossa novità rispetto al recente passato: complice una crisi economica sempre più pregnante anche nel basket rosa, saranno 11 le compagini a contendersi il tricolore, che per tutta la stagione sarà cucito sul petto della GoldBet Taranto. Noi di Pick&Roll Magazine vi presentiamo le squadre, indicandovi le maggiori novità.

Taranto: le campionesse d’Italia hanno cambiato tanto quest’anno, il risultato è quello di una squadra più operaia ma con la stessa voglia di vincere. Ricchini ha dovuto rinunciare tra le altre a Greco , Sottana, la miglior giocatrice della passata stagione e Godin che si sono accasate dal nemico per eccellenza, il Famila Schio. Sul fronte arrivi si è scelta l’esperienza di giocatrici come Nicole Antibe, Cohen e Zanoni. Le pugliesi hanno bisogno di tempo per entrare nei nuovi meccanismi di squadra, nè è una prova la Supercoppa ceduta a Schio, nonostante la presenza del pubblico di casa a trascinare Mahoney e compagne.

Schio: ci sbilanciamo dicendo che quest’anno è la favorita numero 1 per il tricolore. Sottana e Godin hanno dimostrato di essere un valore aggiunto, senza contare il solito pacchetto di veterane e innesti preziosi formato wnba per allestire un roster che possa competere anche in Eurolega. Proprio la competizione europea potrebbe togliere energie in campionato, un fattore da non sottovalutare nel corso dei mesi a seguire.

Lucca: la squadra rivelazione dello scorso campionato riparte con tanto entusiasmo e voglia di confermarsi, grazie anche agli arrivi di Gianolla in cabina di regia, alla nuova straniera Peters e la conferma di Ruzickova a supportare Mery Andrade, la leader del gruppo.

Parma: la formazione emiliana si candida insieme a Lucca a recitare il ruolo di out sider nella serratissima lotta tra Taranto e Schio. Alla corte di Procaccini è tornata, dopo l’esperienza ad Umbertide, Francesca Zara ed il roster è arricchito anche dall’acquisto di Harmon, ex ala della Pool Comense nonché miglior straniera dello scorso campionato. Il gruppo gialloblù è un mix di esperienza e gioventù, dato che sono tante le “piccole” classe 95 e 96, pronte a dare il loro contributo.

Faenza: Squadra giovane che spera nella definitiva esplosione di Crippa ex Geas e del ritorno sul parquet post gravidanza di Ress. E’ tornata alla base anche Chiara Pastore e molto dipenderà dalle straniere, con Lukacovicova già in Italia l’anno scorso con il Cus Cagliari.

Umbertide: Serventi ha in mano un buon potenziale con gli arrivi di Willis e Halman. Le umbre hanno cambiato molto ma il gruppo italiano Cinili, Gorini e Modica è stato riconfermato, investendo soprattutto sul giovane play che con la partenza di Zara avrà maggiori responsabilità.

Pozzuoli: rivoluzione in casa puteolana, perché complice il fallimento del Vomero basket, sono arrivate Giordano, Baggioli e Ferretti. Confermatissima Mazzante, tutta da scoprire è il pivot Koop, l’ala ucraina Maznichenko e il play americano Morris.

Priolo: budget ridotto ma le siciliane ci sono sempre e Santino Coppa è l’arma in più del gruppo del Trogylos. A dare vivacità in cabina di regia sono arrivate Eric e Donvito, oltre al pivot Georgieva proveniente dall’A2. L’esperienza di Bonfiglio, al nono anno a Priolo servirà per far crescere le giovani.

Cus Cagliari: Secondo anno consecutivo di A1, alla corte di coach Xaxa è arrivata dal Geas Halvarsson a dare una mano al gruppo giovane che ha ben figurato nella scorsa stagione. Da osservare il play svedese Eldebrink.

Orvieto: Neopromossa in A1, le umbre hanno fatto bene nel precampionato, grazie alla vivacità del play spagnolo Infante e alla new entry Hampton, un pivot affidabile ex Lucca. Accanto alla protagoniste della promozione  c’è anche Maiorano, giocatrice di esperienza.

Cus Chieti: l’altra neopromossa giunge nel massimo campionato con tanto entusiasmo, la più giovane è classe 1984 e l’esperienza nel massimo campionato è poca. Ciò non toglie che il gruppo c’è cosi come l’obiettivo, la permanenza in A1.

Gaia Pacella

PICK&ROLL MAGAZINE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...