FIP, LA NAZIONALE SCONFITTA DALLE PADRONI DI CASA DELLA SERBIA

La Nazionale Femminile è stata sconfitta dalla Serbia nella seconda giornata del torneo di Belgrado: l’Italia è stata superata 73-53 dalle padrone di casa e domani torna in campo alle ore 17.30 per affrontare il Canada. Curiosamente, dopo il successo del Montenegro sul Canada (75-46), la classifica vede tutte e quattro le squadre appaiate a 2 punti. Per vincere il torneo le Azzurre devono superare il Canada e sperare che il Montenegro faccia altrettanto con la Serbia nell’ultima partita del trofeo “Città di Belgrado”.

La migliore marcatrice dell’Italia è stata Francesca Dotto con 14 punti, in doppia cifra anche Raffaella Masciadri a quota 12.

“Abbiamo trovato una squadra che ci ha aggredito e siamo andati in difficoltà – ha commentato a fine partita Roberto Ricchini – anche nel primo tempo, quando siamo stati sopra nel punteggio. Penso che questa sconfitta ci sarà utile in preparazione all’Europeo perché questo tipo di intensità difensiva la troveremo sicuramente anche in Francia e dobbiamo essere pronti a trovare delle contromisure. In questo senso, anche se stiamo parlando di una sconfitta, credo si sia trattato di un test molto positivo per la nostra crescita“.

LA CRONACA – Ricchini (fuori per l’occasione Alessandra Formica e Giulia Gatti) è partito col quintetto composto da Sottana, Consolini, Masciadri, Cinili e Ress: la Serbia, evidentemente irritata dall’inattesa sconfitta col Canada, ha spinto subito sull’acceleratore portando subito la partita sul piano fisico. Le Azzurre non si sono tirate indietro e dopo un inizio un po’ contratto si sono riportate a contatto con la tripla di Masciadri (16-13) e poi hanno ulteriormente ricucito col sottomano di Dotto (16-15). Milovanovic e Milica Dabovic hanno tenuto avanti le padrone di casa (27-25 al 17′) ma per l’Italia ci ha pensato Beba Bagnara a tenere vivo l’attacco (9 punti in 8′ nel primo tempo). Consolini ha messo la tripla del vantaggio (28-30), all’intervallo lungo si è andati con un tennistico 30 pari.

La partita si è decisa nei primi tre minuti del terzo quarto, quelli nei quali le Azzurre hanno perso tre palloni di fila innescando così il 14-0 serbo dal quale l’Italia non si è più ripresa. Lo svantaggio, sotto i colpi di Dabovic e Cadjo, si è ampliato in apertura di ultimo parziale fino al 65-40, prima del 9-0 messo insieme da Francesca Dotto (6) e da Masciadri (3): l’assurdo antisportivo fischiato a Consolini ha permesso alla Serbia di allungare nuovamente ma le Azzurre, a parte quel terribile passaggio a vuoto in apertura di terzo quarto, hanno continuato a ribattere colpo su colpo fino al definitivo 73-53.

Italia-Serbia 53-73 (17-20; 30-30; 40-53)

Italia: Consolini 8 (2/6, 1/3), Fassina (0/1), Cinili 2 (0/2, 0/2), Sottana (0/4, 0/3), Zanoni (0/2, 0/1), Masciadri 12 (2/7, 2/5), Wabara (0/3), Bagnara 9 (3/3, 1/3), Ress 6 (1/4, 1/1), Dotto 14 (4/6, 1/2), Battisodo 2 (1/2), Crippa (0/1). Coach: Roberto Ricchini.

Serbia: Radocaj 7 (2/5, 1/2), Vulic 5 (1/1, 1/1), Cadjo 10 (2/5, 2/2), Krnjic 1, Milovanovic 8 (1/4, 2/3), Butulija 10 (2/4, 1/5), Matic 4 (2/4), Crkvendakic 2 (0/2), Dabovic 16 (2/5, 2/4), Rad, Popovic 4 (2/3), Baltic 6 (3/3). Coach: Marina Maljkovic.

Arbitri: Vojinovic (Serbia), Ognjen (Montenegro), Glisic (Serbia)

Percentuali di tiro: T2P: Italia 13/41; Serbia 17/36. T3P: Italia 6/21; Serbia 9/18. TL: Italia 9/13; Serbia 12/26.

Rimbalzi: Italia 36; Serbia 40.

Prima giornata

Montenegro-Italia 48-63; Serbia-Canada 57-59

Oggi

Montenegro-Canada 75-46; Serbia-Italia 73-53

Classifica: ITALIA, Montenegro, Serbia, Canada 2.

Domani

Ore 17.30 Canada-Italia

Ore 20.00 Serbia-Montenegro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...